Hamilton rilancia: “Stop party mode è complimento a Mercedes”

Hamilton rilancia: “Stop party mode è complimento a Mercedes”

Il Gran Premio d’Italia di quest’anno segnerà una piccola ma storica svolta nella storia della F1 ibrida di questi anni. La gara di Monza infatti sarà la prima con il DIVIETO DI UTILIZZO DEL FAMIGERATO ‘PARTY MODE’, l’extra-potenza che i team, Mercedes su tutti, utilizzavano in qualifica e in determinate situazioni di gara per cercare di ottenere in un giro singolo la massima potenza possibile dal motore. Dal sabato brianzolo invece tutte le scuderie dovranno selezionare una modalità di motore e tenerla uguale per tutto il weekend. Una strategia pensata dalla FIA per controllare meglio le varie PU a livello regolamentare ma anche per cercare di limitare lo strapotere dei motori di Brixworth.

 Stop al party mode: gli scenari in vista di Monza

Sulla delicata questione è tornato anche il leader del campionato, LEWIS HAMILTON, che non ha risparmiato qualche stoccata ad avversari e Federazione: “Lo trovo piuttosto divertente – ha detto il sei volte campione del mondo, che domenica potrebbe vincere il 90esimo GP in carriera – la FIA ha detto che è stato fatto per poter controllare l’uso del motore da parte di tutti, o qualcosa del genere. Poi è arrivata la Red Bull e ha detto che siamo stati noi a spingere per questo. Quindi ragioni completamente diverse sul perché l’abbiano fatto. Ma ALLA FINE PENSO SIA UN COMPLIMENTO – ha puntualizzato con orgoglio Hamilton – speriamo che i ragazzi della fabbrica lo vedano come un complimento, perché stanno facendo un lavoro fantastico con il motore“.

 Hamilton: “Lo stop al party mode non mi preoccupa”

“Penso che naturalmente perderemo qualcosa – ha ammesso il campione in carica – ma non sarà la fine del mondo. Tutti potenzialmente perderebbero qualcosa, ma forse alcuni più di altri. E nessuno in particolare lo sa, credo”. Analogo pensiero per VALTTERI BOTTAS, che spera di poter trarre dalla situazione un vantaggio in OTTICA GARA: “Nelle qualifiche onestamente ci sarà una piccola differenza – ha detto il finlandese – non sarà enorme. Ma poi in gara speriamo nel complesso di ottenere tempi migliori con una modalità [di motore] decente per tutto il GP”.

Vincenzo
Vincenzo Medico Chirurgo, Psicoterapeuta, Odontoiatra. Specialista ambulatoriale presso l’ASL Napoli 1 Centro. Coach professionista. Terapeuta EMDR.
Valutazione: