Leclerc: “Peggio del previsto in ottica gara”

Leclerc: “Peggio del previsto in ottica gara”

La FERRARI arriva a Monza reduce dalla clamorosa debacle del Belgio, in quella che si sta delineando sempre più come un’annata da incubo per i colori di Maranello. Le prove libere del venerdì però non hanno portato molti sorrisi nel box rosso. CHARLES LECLERC ha chiuso con una discreta nona posizione la seconda sessione di prove libere del Gran Premio d’Italia, ma la preoccupazione del monegasco è soprattutto per il PASSO GARA della SF1000, al momento giudicato insufficiente.

 F1   GP Italia 2020, PL2: Hamilton al top, 9° Leclerc

“Credo che ci aspettavamo di andare peggio con poco carburante – ha sottolineato Leclerc, con grande sincerità, ai microfoni di Sky Sport F1 – ma anche di andare meglio con tanto carburante. DOBBIAMO TROVARE QUALCOSA PER LA GARA, altrimenti sarà molto difficile. Fatichiamo tanto con il bilanciamento e con il degrado delle gomme durante i giri nei quali abbiamo in macchina tanto carburante”. I problemi di bilanciamento della SF1000 sono apparsi in tutta la loro evidenza durante le stesse PL2, nelle quali sia Leclerc che Sebastian Vettel sono USCITI SPETTACOLARMENTE DI PISTA alle Curve di Lesmo, evitando fortunatamente danni alla monoposto.

 Ferrari, analogie e differenze rispetto a Spa

A livello strategico Leclerc ha spiegato di non privilegiare un’ELIMINAZIONE IN Q2 per avere il vantaggio di partire con una gomma ‘libera’, ma il timore del pilota del Principato è piuttosto quello di non riuscire ad entrare in top-10 al livello di prestazioni, nonostante i segnali di miglioramento in ottica qualifica ed il tanto chiacchierato stop ai ‘pary-mode’: “Speriamo di entrare in Q3, ma ci sarà una battaglia serrata – ha concluso Leclerc – realisticamente non credo che siamo ancora al livello di prestazioni necessario per entrare nel Q3, ma ci siamo vicini”.

Vincenzo
Vincenzo Medico Chirurgo, Psicoterapeuta, Odontoiatra. Specialista ambulatoriale presso l’ASL Napoli 1 Centro. Coach professionista. Terapeuta EMDR.
Valutazione: