Ufficiale: la Ferrari ritira l’appello contro la Racing Point

Ufficiale: la Ferrari ritira l’appello contro la Racing Point

La McLaren si è ritirata al momento della conferma dell’appello, poi si è sfilata la Renault nella settimana che ha portato il Circus a Spa in Belgio. Oggi infine sono arrivate anche le RINUNCE da parte della Racing Point stessa e della Ferrari. La futura Aston Martin non è più ufficialmente nel mirino delle scuderie avversarie, la sanzione di 15 punti in classifica costruttori e di 400mila dollari non verrà né inasprita né alleviata. Decisiva l’azione della FIA che ha garantito che nel prossimo regolamento tecnico per il 2021 le norme saranno chiare ed inequivocabili. Di seguito il comunicato attraverso il quale la Ferrari ha confermato di non voler proseguire in questa vertenza che aveva diviso il paddock.

 Copygate, Racing Point rinuncia all’appello

“La SCUDERIA FERRARI MISSION WINNOW rende noto di aver notificato alla International Court of Appeal la decisione di RITIRARE L’APPELLO classificato Case ICA-2020-01-02-03-04. Nelle scorse settimane la collaborazione fra la FIA, la Formula 1 e le squadre ha prodotto una serie di atti – modifiche ai Regolamenti Tecnico e Sportivo 2021, approvati dalla F1 Commission e dal FIA World Motor Sport Council, e Direttive Tecniche – che chiariscono le responsabilità di ogni partecipante al Campionato nella progettazione delle componenti di una monoposto e implementano specifiche modalità di monitoraggio per far sì che tanto la lettera quanto lo spirito dei Regolamenti siano pienamente rispettati. La Scuderia esprime il proprio apprezzamento per la tempestività con cui la FIA e la Formula 1 hanno affrontato efficacemente un aspetto fondamentale del DNA di questo sport così competitivo”.

Vincenzo
Vincenzo Medico Chirurgo, Psicoterapeuta, Odontoiatra. Specialista ambulatoriale presso l’ASL Napoli 1 Centro. Coach professionista. Terapeuta EMDR.
Valutazione: